28 Luglio, 2016

I membri della Commissione Indipendente d’Esperti Svizzera – Seconda guerra mondiale

I membri della Commissione
Indipendente d’Esperti Svizzera – Seconda guerra mondiale
(Ex-membri della CIE)
Jean-François Bergier, Presidente Storico
Jean-François Bergier è nato a Losanna nel 1931. Studi a Losanna, Monaco, Parigi (Ecoles des Chartes) e Oxford. 1963–1969 professore di storia economica a Ginevra, dal 1969 cattedra di storia al Politecnico federale di Zurigo (Istituto di storia), 1976–1978 professore ospite all’Università Paris-Sorbonne , presidente onorario dell’Associazione internazionale di storia economica, presidente del comitato scientifico dell’Istituto internazionale di Storia economica F. Datini (Prato, Italien) e dell’Associazione internazionale per la storia delle Alpi. Membro corrispondente dell’Académie des Sciences morales et politiques (Parigi) e dell’Académie Royale de Belgique. Jean-François Bergier ha lavorato soprattutto nel campo della storia economica della Svizzera e dell’Europa fra il XIII e XVIII secolo e della storia dell’industrializzazione.
Le pubblicazioni più importanti:
Genève et l’économie européenne de la Renaissance, Parigi 1963.
Histoire économique de la Suisse, Zurigo 1982/Losanna 1983.
Guillaume Tell, Parigi 1988 (tradotto in tedesco e italiano).
Europe et les Suisses, Ginevra 1992, 19972 (traduzione tedesca in
preparazione).
Pour une histoire des Alpes, Moyen Age et Temps modernes, Londra 1997.
Wladyslaw Bartoszewski Storico
Wladyslaw Bartoszewski è nato a Varsavia nel 1922. Internato a Auschwitz dal 1940 al 1941, diventa poi combattente della resistenza. Dopo la guerra è per sei anni detenuto politico dello stalinismo. Dopo la sua liberazione è redattore ed editore e professore di storia contemporanea all’Università di Lublin (Polonia) e di scienze politiche alle università di Monaco, Eichstätt e Augusta. Nel 1963 gli viene conferito il riconoscimento di «Giusto fra le Nazioni» dall’Istituto per la memoria
dell’holocaust ; Nel 1991 ottiene la cittadinanza onoraria dello stato d’Israele. Altri incarichi: 1990–1994 ambasciatore della Polonia in Austria; 1995 ministro degli esteri della Polonia; dal 1997 membro del senato della Repubblica della Polonia.
Le pubblicazioni più importanti:
Aus der Geschichte lernen?, Monaco 1986.

Membri della CIE
Pagina 2 di 6
Das Warschauer Ghetto – wie es wirklich war. Zeugenbericht eines Christen, Francoforte sul Meno 1983, 1986(2).
Uns eint vergossenes Blut. Juden und Polen in der Zeit der “Endlösung”, Francoforte sul meno 1987.
Auschwitz-Birkenau, Friburgo (D), Basilea, Vienna 1989 (in collaborazione con Elie Wiesel, Kardinal Jean Marie Lustiger e Rita Süssmuth).
Es lohnt sich anständig zu sein. Meine Erinnerungen. Mit der Rede zum 8. Mai 1995, Friburgo (D), Basilea, Vienna 1996.
Saul Friedländer Storico
Saul Friedländer è nato nel 1932 a Praga. Durante la seconda guerra mondiale fuggì in Francia dove sopravvisse la guerra nascosto. Cattedra universitaria di storia in Israele e Stati Uniti; i suoi temi centrali di ricerca sono la seconda guerra mondiale e le relazioni internazionali.
Le pubblicazioni più importanti:
Auftakt zum Untergang. Hitler und die Vereinigten Staaten von Amerika 1939–41, Stoccarda 1965.
Pius XII und das Dritte Reich. Eine Dokumentation, Amburgo 1965.
Wenn die Erinnerung kommt, Stoccarda 1979.
Kitsch und Tod. Der Widerschein des Nazismus, Monaco 1984.
Das Dritte Reich und die Juden. Die Jahre der Verfolgung 1933–1939,
Monaco 1998.
Harold James Storico
Harold James, nato nel 1956, studiò all’Università di Cambridge. Attualmente insegna storia all’Università di Princeton (New Jersey, USA). Soggiorni in Germania, Austria e Svizzera; nel 1996 era professore ospite all’Istituto universitario di alti studi internazionali a Ginevra.
Le pubblicazioni più importanti:
The German Slump: Politics and Economics 1924–1936, OUP 1986. A German Identity, Weidenfeld and Nicolson 1989.
International Monetary Cooperation Since Bretton Woods, OUP 1996.

Membri della CIE
Pagina 3 di 6
Die Deutsche Bank 1870–1945, Beck Verlag 1995 (coautore).
Helen B. Junz
(membro della Commissione dal febbraio 2001) Economista
Helen B. Junz è cittadina americana. Studi in Olanda e Stati Uniti. Dal 1962 al 1979 è un alto funzionario del governo federale statunitense (Board of Governors of the Federal Reserve System, the Council of Economic Advisers and the Department of the Treasury). Dal 1982 al 1994 lavora per il Fondo monetario internazionale. Prima e dopo questo impiego occupa diversi posti nell’economia privata.
Nel 1996 fonda una propria ditta di consulenza economica a Londra. Fra le più importanti pubblicazioni del periodo seguente figura uno studio, eseguito su incarico del «Comitato Volcker» (Independent Committee of Eminent Persons, ICEP), sulla stima dei beni appartenenti alla popolazione ebrea prima del 1939 nei paesi controllati dalla Germania nazista durante la seconda guerra mondiale. Dal 1999 al 2000 dirige la ricerca in un progetto sui patrimoni della Presidential Advisory Commission on Holocaust Era Assets in the United States. È stata inoltre anche consulente economica della International Commission on Holocaust Era Insurance Claims (ICHEIC).
Le pubblicazioni più importanti:
Pubblicazione di numerosi articoli in riviste di scienze economiche.
Georg Kreis Storico
Georg Kreis è nato nel 1943 a Basilea. Studi all’Università di Basilea. Professore di storia moderna all’Università di Basilea (relazioni internazionali e questioni nazionali) e direttore dell’Istituto europeo di Basilea. È presidente della Commissione federale contro il razzismo e scrive per parecchie riviste.
Le pubblicazioni più importanti:
“Entartete” Kunst für Basel. Die Herausforderung von 1939, Basilea 1990.
Die Schweiz in der Geschichte. 1700 bis heute, Zurigo 1997 (versione
francese Zurigo 1997).
Vier Debatten und wenig Dissens (Zur Historiographie über die Schweiz im
Zweiten Weltkrieg), in: Schweizerische Zeitschrift für Geschichte 47, 1997, pag. 451–476.

Membri della CIE
Pagina 4 di 6
Neutralitätsrecht und Neutralitätspolitik. Der Stellenwert der Neutralität in der aktuellen Debatte um die Rolle der Schweiz während des Zweiten Weltkriegs, in: Fluchtgelder, Raubgut und nachrichtenlose Vermögen, a cura dell’ Archivio federale svizzero, Dossier 6, Berna 1997, pag. 59–64.
Die schweizerische Flüchtlingspolitik der Jahre 1933–-1945, in: Rivista storica svizzera 47, 1997, pag. 552–579.
Jacques Picard Storico
Jacques Picard è nato nel 1952 a Basilea. Studiò storia alle Università di Berna e Friburgo. Soggiorno di ricerca negli Stai Uniti. Studi postdiploma di direzione d’impresa, psicologia e comunicazione. Docente di storia e cultura alla scuola universitaria professionale di Berna, dove dal 1994 al 1997 è stato capo di un dipartimento della scuola ingegneri a Bienne. Professore all’ università di Basilea, Direttore del Istituto per gli studi ebrei.
Le pubblicazioni più importanti:
Die Schweiz und die Juden 1933–1945, Zurigo 1994 (dissertazione).
Swiss made oder: Uhrenfabrikanten im Räderwerk von Politik und
technischem Fortschritt, in: Allmende 36/37, Friburgo 1993.
Vom Zagreber zum Zürcher “Ornament”, Wandel und Exil einer
Kulturbewegung 1931–1951, in: Exilforschung, Internationales Jahrbuch 10,
Monaco 1992.
On the Ambivalence of Being Neutral, Switzerland and Swiss Jewry Facing the Rise and Fall of the Nazi State, Washington, D.C. 1998.
Die Vermögen rassisch, religiös und politisch Verfolgter in der Schweiz und ihre Ablösung von 1946 bis 1973, Berna 1993 (traduzione inglese Zurigo 1993).
Jakob Tanner Storico
Jakob Tanner è nato nel 1950 a Root (canton Lucerna). Studi all’Universitä di Zurigo. Diversi soggiorni all’estero (Parigi, Londra). 1996/97 Sostituto di una cattedra all’Università di Bielefeld (Germania). Dal 1997 professore di storia generale e svizzera all’Università di Zurigo. Redattore e editore di parecchie riviste.

Membri della CIE
Pagina 5 di 6
Le pubblicazioni più importanti:
Bundeshaushalt, Währung und Kriegswirtschaft. Eine finanzsoziologische Analyse der Schweiz zwischen 1938–1953, Zurigo 1986 (dissertazione).
Banken und Kredit in der Schweiz/Banques et credit en Suisse 1850–1930, Zürich 1993 (edito in collaborazione con Youssef Cassis).
Finanzwirtschaftliche Probleme der Schweiz im Zweiten Weltkrieg und deren Folgen für die wirtschaftliche Entwicklung nach 1945, in: Probleme der Finanzgeschichte des 19. und 20. Jahrhunderts, a cura di Dietmar Petzina, Berlino 1989, pag. 77–98.
Property rights, Innovationsdynamik und Marktmacht. Zur Bedeutung des schweizerischen Patent- und Markenschutzes für die Entwicklung der chemisch-pharmazeutischen Industrie (1907–1928), in: Die neue Schweiz? Eine Gesellschaft zwischen Integration und Polarisierung (1910–1930), a cura di Andreas Ernst e Erich Wigger, Zurigo 1996, pag. 273–303.
Die internationalen Finanzbeziehungen der Schweiz zwischen 1931 und 1950, in: Rivista storica svizzera 4, 1997, pag. 492–519.
“Bankenmacht”: politischer Popanz, antisemitischer Stereotyp oder analytische Kategorie?, in: Zeitschrift für Unternehmensgeschichte, n. 1, 1998, pag. 19–34.
Daniel Thürer (membro della Commissione dal aprile 2000)
Giurista
Daniel Thürer è nato nel 1945 a S. Gallo. Studia giurisprudenza a Zurigo e altro a Ginevra, S. Gallo e Cambridge (LL.M.). Dal 1983 professore di diritto internazionale, diritto europeo, diritto pubblico e amministrativo all’Università di Zurigo. Visiting Research Professor presso la Harvard Law School e la Stanford School of Law. Presidente fondatore della sezione svizzera della «Commissione Internazionale dei Giuristi». Nel 1991 viene eletto membro del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR). Nel 1992 è cofondatore del Europa Instituts Zürich (EIZ). Altri incarichi: membro della presidenza della Società svizzera di diritto internazionale, dal 1996 presidente della «Commission juridique» del CICR. È anche coeditore di tre riviste scientifiche.
Le pubblicazioni più importanti:
Das Selbstbestimmungsrecht der Völker – Mit einem Exkurs zur Jurafrage, Berna 1976 (dissertazione).
Bund und Gemeinden – Eine rechtsvergleichende Untersuchung zu den unmittelbaren Beziehungen zwischen Bund und Gemeinden in der Bundesrepublik Deutschland, den Vereinigten Staaten von Amerika und der Schweiz (Beiträge des Max-Planck-Instituts zum ausländischen öffentlichen Recht und Völkerrecht, 90° volume), Berlino/Heidelberg/Nuova York/Londra/Parigi/Tokyo 1986 (abilitazione).
Perspektive Schweiz –- Übergreifendes Verfassungsdenken als Herausforderung, Zurigo 1998.
Numerosi saggi sul diritto internazionale, diritto europeo e diritto pubblico.

Membri della CIE
Pagina 6 di 6
*********
Myrtha Welti, Segretaria generale lic. iur., giurista
Myrtha Welti, sposata, con due figlie e un figlio, è nata nel 1945 a Coira. Studia alle Università di Zurigo e Ginevra (phil I e giurisprudenza) ed è poi assistente all’Istituto di diritto dell’Università di Zurigo. Dal 1981 al 1991 è collaboratrice scientifica del segretariato centrale dell’UDC (Unione democratica di centro). Negli anni 1985– 1989 vive con la sua famiglia a Londra, Inghilterra. Nel periodo 1992–1994 è segretaria generale aggiunta e dal 94 al 96 segretaria generale dell’UDC. Segue un soggiorno con la famiglia a Bonn, Germania (1996–98). Al suo rientro si stabilisce a Zurigo dove lavora come consulente libera professionista.
Mandati (fa altri):
Vicepresidente della fondazione «Science et Cité»
Vicepresidente del consiglio d’amministrazione dell’istituto di ricerca gfs
Membro del consiglio d’amministrazione dell’Ospedale universitario di Berna,
Insel
Membro della direzione alliance F, Alleanza delle società femminili svizzere
Membro della presidenza dell’Associazione svizzera di politica estera (ASP))
Membro della Commissione federale degli stranieri (CFS)


Per contattarci clicca qui