28 Luglio, 2016

Luigi Einaudi

luigi-einaudi

L’8 settembre 1943, temendo di finire come ostaggio nelle mani dei nazifascisti, il settantenne Luigi Einaudi (economista, intellettuale liberale, professore e rettore dell’Università di Torino e il futuro presidente della Repubblica Italiana, il primo dal dopoguerra) è costretto a lasciare le sue colline di Dogliani e la sua Torino occupata dalle camicie nere e dalla Wehrmacht.
Raggiunge la Svizzera, attraversando a dorso di mulo il passo del Col Fenêtre nella Valle d’Aosta. È ‘la fuga dei popoli dinanzi al barbaro’, scrive Einaudi nel suo Diario.
Chiede, e gli vengono concessi, asilo, rifugio e protezione in Svizzera, e gli viene consentito, dalle Autorità elvetiche, di trattenervisi sino alla fine della II Guerra mondiale.


Per contattarci clicca qui